Pubblicata il 28/01/2021

Carrasciali Timpiesu ufficialmente annullato causa Covid. Il Sindaco: salute e sicurezza dei cittadini, le nostre priorità

 

Di: Maurizio Savigni

Ghjolghju puntogliu non subirà processo e rogo. Non quest'anno, non nel 2021. Il fantoccio di cartapesta nonchè figura centrale del Carnevale di Tempio, adorato, processato e condannato al rogo tradizionalmente, quest'anno non subirà nulla di tutto ciò. Tutta la kermesse del Carrasciali Timpiesu, è stata fermata dalla pandemia del virus SarsCov2. Tutto ciò che ruota al Carnevale di Tempio, resta sigillato e l'edizione che si sarebbe dovuta svolgere dall'11 al 16 febbraio 2021, è stata ufficialmente cancellata. Lo rende noto il Sindaco Giannetto Addis. Resteranno sigillate per la prima volta nella storia del Carnevale di Tempio, anche le buste dei progetti base per la realizzazione del Carnevale (11, per dovere di cronaca), pervenuti al Comune a giugno, dai gruppi a concorso che avrebbero dovuto partecipare alla 6 giorni e preparare carri, coreografie, costumi (senza contare i gruppi estemporanei ed ospiti). 
Nella giornata del 26 gennaio, in Comune si è svolta una riunione tra i rappresentanti responsabili dei vari gruppi, che hanno preso parte ad un incontro con il sindaco Gianni Addis, la Giunta e una rappresentanza dei consiglieri di maggioranza. Presenti anche il presidente della ProLoco di Tempio, partner tecnico del Carnevale e i rappresentati delle altre associazioni che affiancano i carrascialai nell’organizzazione della manifestazione. Un incontro fortemente voluto dal sindaco per condividere con l’Associazione “Carrascialai timpiesi” la dolorosa ma inevitabile decisione di cancellare l’edizione 2021 della importante kermesse gallurese. Le parole del Sindaco Addis: “Per quanto consapevoli che la pandemia non avrebbe consentito lo svolgimento della manifestazione, prima di fare qualunque dichiarazione alla stampa e ai media abbiamo ritenuto doveroso confrontarci con chi il Carnevale lo fa e lo vive tutti gli anni e per tutto l’anno.” “La cancellazione di un evento tanto radicato nel tessuto sociale e produttivo della città e del territorio – afferma rammaricato il Sindaco Addis – lascerà strascichi pesanti e negativi sulla nostra economia ma anche sui giovani che vedono venir meno una così importante occasione di socialità, fondamentale soprattutto alla loro età.” “Purtroppo, però, al momento abbiamo dovuto prendere atto che non ci sono, e non ci potevano essere, le condizioni per realizzare la manifestazione, – afferma infine con preoccupazione il sindaco – e non sappiamo se sarà possibile riprogrammarla più in la nel tempo, magari a fine estate. La salute e la sicurezza dei nostri concittadini e delle nostre comunità sono oggi le nostre assolute priorità.”

News48

Redazione C48