Pubblicata il 02/01/2021

La Sardegna rischia di diventare zona rossa dal 7 gennaio, per i dati incompleti forniti all'Istituto Superiore di Sanità

 

Amici lettori di Canale 48 Web Tv, cogliamo l'occasione con questo primo articolo del nuovo anno, per farvi i migliori auguri di buon 2021 da parte del nostro staff. Chiusa la parentesi, focalizziamoci sul succo dell'articolo del quale avete letto il titolo. 

La Sardegna rischia di diventare zona rossa a partire dal 7 gennaio 2021. Bufala? Macchè, tutto vero. Rischiamo, ma non è ancora certo niente. L'Istituto Superiore di Sanità, ha stilato da poco, gli ultimi dati del monitoraggio settimanale sulla situazione covid in Italia. La situazione vede una lentissima decrescita dei contagi, ma il tasso di positività in costante aumento. Ci sono regioni che rischiano di diventare rosse e arancioni, come Veneto, Liguria e Calabria (in quanto hanno superato l'indice RT di 1.00). Ci sono tuttavia altre regioni che si avvicinano a questo dato, come Lombardia, Basilicata e Puglia.

E poi c'è la Sardegna, che rischia di diventare zona rossa a causa dell'incompletezza dei dati forniti all'Istituto Superiore di Sanità. Come si legge nel report dell'ISS, che si riferisce a dati della settimana 21-27 dicembre, aggiornati al 29 dicembre, la regione presenta una "bassa percentuale di completezza dei dati", di conseguenza la condizione della Sardegna è equiparata a quella delle regioni a rischio alto e, quindi, l'isola potrebbe entrare in zona rossa. 

Speriamo tutti che la Regione si attivi con tempestività e comunichi quanto prima i dati richiesti, onde il ritrovarci a dover pagare conseguenze ben più serie, in termini di restrizioni.

 

News48

Redazione C48