Pubblicata il 31/10/2020

TELECOMUNICAZIONI ALLO SBANDO.. E IL GOVERNO VUOLE LO SMART WORKING?

 

Continuano da mesi le lamentele di cittadini per la connettivita' ad internet diventata ormai insostenibile.

Vero e' che si continua a pagare i canoni e le sim precaricate con risultati pessimi, danni per chi lavora,con collegamenti assenti o in parte ridotti dalle compagnie telefoniche tipo la VPN che in parole semplici ti fa collegare ma non puoi scambiare dei video, una vera truffa.

AGICOM controlla? pensiamo proprio di no!  Una truffa anche da  noi appurata e la magistratura dovrebbe indagare in quanto dette SIM DATI servono per lavorare sopratutto in questo periodo di RESTRIZIONI e SMART WORKING..

Meno male lo consiglia il nostro GOVERNO INADEGUATO E IMPROVVISATO per questa pandemia...   ma il ministro delle Telecomunicazioni e' informato in quale condizioni versa la nostra RETE? E' al corrente che siamo fermi all'era della SIP di 60 anni fa?  che i cavi in rame chiedono pieta' per i rattoppi e le ossidazioni?

Altro che lavoro e studio da casa! non riesci a far niente!

Sig. Ministro DE Micheli ritiri le licenze a questi venditori di fumo, non se ne puo' piu', sono inaffidabili,prima dello SMART WORKING CI VUOLE LA RETE! ..CI VOGLIONO I FATTI !

Siamo incazzati e le parole non servono piu' a niente!

Diversamente VADA A CASA ci vogliono compete nel settore.

© Riproduzione riservata

News48 Mario Savigni