Pubblicata il 29/03/2018

Formula 1 - Dopo le accuse di McLaren e Force India, risponde il direttore tecnico della Haas: l'attacco è il miglior mezzo per giudicare l'incompetenza

 

Formula 1 - Dopo gli attacchi e le accuse di McLaren e Force India alla Haas, accusata di aver legami sospetti con la Ferrari, risponde il direttore tecnico: Steiner. Ricordiamo che la Haas è stata la scuderia sorpresa della prima gara di Formula 1, riuscendo a piazzare due piloti dietro le grandi scuderie come Mercedes, Ferrari e Red Bull. Gunther Steiner ha sottolineato che la VF18 (la vettura che disputa il mondiale Formula 1 di quest'anno) non sia un clone della SF70-H della Ferrari della passata stagione. Il Manager ha affermato che la vettura di quest’anno condivide con la Ferrari il passo e la sospensione posteriore. Il resto dello sviluppo tecnico ed aerodinamico è stato portato avanti dalla Dallara e dagli ingegneri della squadra statunitense. Secondo Steiner, il problema sta nel fatto che alcuni grossi team, con budget superiori alla piccola scuderia di Gene Haas, non siano riusciti a ottenere le prestazioni della VF18. Steiner ha invitato queste squadre a sporgere regolare denuncia alla FIA. La Haas può difendersi serenamente da queste accuse. Vi scriviamo le parole integrali di Steiner “Li invito a sporgere denuncia alla Federazione se vedono fantasmi o hanno problemi nei nostri confronti. Abbiamo lo stesso passo della Ferrari 2018 e condividiamo la sospensione, quindi è logico che alcune squadre affermino che la nostra vettura sia un clone. In realtà, però, abbiamo sviluppato il nostro concept autonomamente. Se devi giustificare la tua incompetenza, l’attacco è la migliore difesa. La realtà è che abbiamo messo dietro squadre che hanno un budget di gran lunga superiore al nostro. Piuttosto che attaccare la nostra vettura dovrebbero fermarsi un attimo e chiedersi ‘Cosa stiamo facendo?”.

 

News48

Redazione C48