Pubblicata il 27/04/2020

Telefonia - Internet in tilt, attese di ore senza risposta dai call center

 

Telecomunicazioni: linee telefoniche in tilt e zero assistenza. Succede così, che molteplici compagnìe telefoniche lasciano tanti cittadini senza connessione internet e possibilità di fare o ricevere telefonate. Nell'ultimo periodo, i disservizi, complici anche i sovraccarichi del traffico dati, sono sempre di più. In un paese come l'Italia dove si parla solo di 5G, fibra ottica e connessione ultra-veloce, la realtà che si cela sotto è ben diversa. La connessione ultra-veloce c'è solo nelle grandi città, in determinati quartieri e siamo al 20esimo posto in Europa. La maggior parte dei cavi internet che servono l'Italia, sono fradici, risalenti a oltre 50 anni fa e non garantiscono gli odierni standard di connessione e sopratutto non sopportano una mole di dati sempre più vasta. 
Cittadini lasciati soli: le chiamate ai call center sono lunghissime ed estenuanti. Nei call center lavorano poche persone a causa del lock-down, però non si vede alcun effetto dello smart working. Anzi... è come se non esistesse. Talvolta quando i cittadini riescono ad entrare in contatto con un'operatore vengono disconnessi e gli viene chiuso il telefono in faccia, senza un valido motivo, come se venga fatto a posta.
Le connessioni internet fanno acqua da tutte le parti, e si vede anche in tv nelle reti nazionali, nei collegamenti che fanno i giornalisti con cantanti, scrittori e personaggi famosi. La colpa non è certo loro (dei giornalisti o delle emittenti). I cittadini si sentono soli e abbandonati, perdono ore senza risposta con i call center e la situazione non cambia per nessuno. Governo di incapaci: sveglia! 

Mario Savigni