Pubblicata il 21/04/2020

Quinta generazione di telefonini; cambierà ancora una volta il nostro modo di navigare.

 

In tutta Italia ci si appresa all’attuazione e installazione della nuova rete 5G, una mole di dati ultra veloci che migliorerà il futuro delle telecomunicazioni.

La velocità sarà da record: 20 Gbit al secondo, almeno 20 volte più veloce dell’attuale tecnologia LTE dove attualmente navighiamo con i nostri cellulari.

Questa tecnologia si diffonderà capillarmente e l’approccio stesso alla comunicazione muterà in maniera radicale abitudini nei prossimi anni e con essa lo stile di vita con nuove prospettive e potenzialità abbracciando nuove utenze in tutti i settori. Un aspetto promettente è rappresentato dalla realtà virtuale trasportando sensi ed emozioni a distanze chilometriche.

Un veicolo verso il futuro che consente di migliore interconnessione e sinergie tra industrie e la possibilità che nascano, nel giro anche di poche settimane idee e servizi per rivoluzionare e migliorare il tessuto sociale e lavorativo. Non solo telefonate e navigazione più sicura, stabile e veloce, ma anche migliore fruizione del patrimonio artistico e culturale delle città, attraverso applicazioni pensate e realizzate ad hoc per valorizzare il territorio sconosciuto ai turisti, ma anche 

sanità più connessa con possibilità di effettuare anche piccole operazioni a distanza e monitoraggio dell’ambiente.

Non un virus dunque, ma innovazione e quinta generazione di telefonini e telecomunicazioni.

Le dimensioni più piccole delle celle rispetto a quelle attualmente utilizzate per la telefonia cellulare comporteranno delle potenze di emissione più basse di quelle attuali, con una distribuzione dei livelli di esposizione più uniforme e con picchi di emissione più bassi  in prossimità delle antenne rispetto a quanto avviene attualmente.

© Riproduzione riservata

Mario Savigni