Pubblicata il 30/04/2021

La Nina influenza la stagione estiva. In Italia attesa una stagione molto calda e siccitosa

 

Di: Maurizio Savigni

Siamo giunti alla fine di aprile ed in tanti iniziano a chiedersi che tempo farà in Estate. Sarà una stagione calda? O magari fredda? O magari normale? Vediamo nel dettaglio. La stagione estiva, così come l'inverno e la primavera, sarà influenzata da "La Nina", un fenomeno che si verifica nel Pacifico Equatoriale nella parte orientale, ove le temperature dell'acqua in superficie, sono più fredde del normale. Il fenomeno de La Nina, è opposto a El Nino. La Nina, causa ripercussioni sul meteo a livello globale. Ad esempio, causa precipitazioni intense in Australia durante l'inverno australe, mentre in Sud America si verifica forte siccità. Altresì nell'emisfero boreale, influenza la stagione degli uragani negli Stati Uniti, causando lo sviluppo di uragani più forti e più frequenti della media. E in Europa? Abbiamo visto un inverno freddo con ripercussioni e irruzioni fredde fino a metà aprile anche in Italia. Condizioni tipiche del manifestarsi della Nina. 

La tendenza estiva pare già tracciata. Come evidenziano anche gli indicatori meteo stagionali di CFSV2 e ECMWF, l'estate europea sarà contraddistinta al 40%-60% dal manifestarsi delle seguenti configurazioni bariche: aria di bassa pressione su europa settentrionale e nord-occidentale; forte campo di alta pressione su europa meridionale ed orientale. Il nord e centro europa vivrebbe periodi freschi e piovosi, mentre il sud e la parte orientale, convivrebbero con caldo e siccità

E in Italia? Nel nostro paese e per giunta anche nei Balcani e Spagna, è attesa un'estate molto calda e siccitosa. L'anticiclone africano la farà da padrone con frequenti ondate di caldo e rimonte anticicloniche con durata moderata, insieme all'afa. Non sono da escludersi un paio di ondate di caldo particolarmenti forti e torride, che potrebbero durare più del normale. Non mancheranno episodi di refrigerio con acquazzoni e temporali, che però faticheranno a raggiungere il nostro paese, almeno durante la prima parte estiva. Infatti, è attesa una maggiore dinamicità delle condizioni meteo, a partire da fine luglio e prime due settimane di agosto, quando il caldo dovrebbe iniziare ad allentare la presa in modo graduale. E' atteso uno scenario estivo, tipico delle estati degli anni 2010 e 2012. E' pur vero che l'inverno ha bussato alla porta fino a metà aprile, ma adesso inizierà a fare caldo e l'anticiclone africano farà sul serio. Maggio sarà un mese di transizione tra temporali e acquazzoni, intervallati dai primi sbuffi di aria calda di matrice nord-africana. Prove generali, in attesa dell'estate che verrà

News48 / Redazione C48