Pubblicata il 20/06/2020

Coronavirus - La Cina cerca tracce di virus in cibo e pacchi di spedizioni

 

Cina - Dopo il focolaio a Pechino, con oltre 100 casi di coronavirus, derivati da un mercato del pesce, le autorità corrono al riparo e cercano di capire se e come il virus può diffondersi attraverso cibi e pacchi. La notizia è stata data dall'Agenzia Reuters che in un articolo spiega quanto segue:  funzionari di Pechino stanno conducendo test sull'acido nucleico (RNA) su tutto il personale addetto alla consegna di pacchi e alimenti mentre intensificano gli sforzi per frenare lo scoppio del coronavirus nella capitale cinese, secondo quanto riferito da Beijing News. 
I funzionari hanno ampliato i test in tutta la città di 20 milioni di persone, da quando un gruppo di nuove infezioni legate a un mercato all'ingrosso alimentare è scoppiato poco più di una settimana fa. L'epidemia, la prima a Pechino da mesi, ha superato i precedenti numeri di picco all'inizio di febbraio. I test per COVID-19 inizialmente si concentravano sulle aree residenziali vicino al tentacolare mercato di Xinfadi e sulle persone che lavoravano o facevano acquisti lì. I funzionari stanno prendendo di mira le decine di migliaia di addetti alle consegne che attraversano regolarmente la città, dove flotte di mezzi motorizzati e scooter guidati da corrieri che consegnano pacchi e cibo sono molto comuni. I lavoratori di SF Express, la seconda più grande società di corriere della Cina, sono arrivati ​​in massa presso i punti di test a Pechino venerdì sera, secondo quanto riferito da Beijing News. La ditta di consegna di alimenti Meituan Dianping ha confermato venerdì che tutti i suoi rider per la consegna di cibo e merce di Pechino sarebbero stati testati e coloro che avevano effettuato consegne in aree ad alto rischio sarebbero stati temporaneamente messi fuori servizio, sottoposti a test e messi in quarantena a casa per 14 giorni. I clienti saranno in grado di visualizzare online i dettagli sulla disinfezione del pacco di consegna e la temperatura corporea del loro corriere, ha affermato Meituan sul suo account Wechat. Beijing News ha dichiarato che tutti i corrieri in città saranno testati entro la prossima settimana. I funzionari hanno evidenziato il rischio di contaminazione attraverso l'imballaggio a Pechino, che venerdì ha riferito di 22 nuovi casi. La città ha ora registrato più di 200 infezioni trasmesse localmente dall'11 giugno. I funzionari hanno testato le persone che lavorano nel settore della ristorazione, incluso il personale del ristorante, nonché i cibi importati dopo che il virus è stato trovato nei salmoni del mercato ittico. 

 

News48 / Redazione C48