Pubblicata il 09/04/2020

Coronavirus in Sardegna: Censurato per la terza volta un giornalista in conferenza stampa con Solinas. Microfono spento a posta?

 

Coronavirus - Continuano le censure da parte della giunta regionale, in modo particolare dal Presidente Solinas e dell'Assessore alla Sanità Mario Nieddu. Dopo la campagna dello scotch in bocca a medici e infemieri, che hanno il bavaglio e non possono parlare con la stampa (cosa che è stata aspramente contestata dall'ordine dei giornalisti), ora continuano i dispetti ai danni di chi, vuole raccontare la verità e scredita talvolta con critiche giuste, l'operato di Solinas e Nieddu, in uno stato democratico, testate e giornalisti. E' accaduto ad un giornalista di Cagliaripad, che ha tutta la nostra solidarietà e vicinanza. Ieri sera, durante la solita videoconferenza stampa di discussione dei dati regionali, il giornalista Simone Spiga, è stato "taciuto" con la chiusura del microfono, proprio nel momento in cui doveva fare delle domande a Solinas o Nieddu. E' già la terza volta che avviene e non può essere soltanto una coincidenza. Ci chiediamo a che punto si voglia arrivare, in una situazione tanto delicata, che complessa. Prima il bavaglio ai medici, ora quello ai giornalisti. Ma non staremo tornando 100 anni indietro, dove la libertà di stampa veniva censurata, se in opposizione alle idee di chi governa? 

 

News48

Redazone C48