Pubblicata il 13/01/2017

Scuola - In aula ed in corridoio fa freddo? Dal prossimo anno forse andrà peggio. Colpa dei tagli agli enti locali. Ecco i dettagli

 

Scuola: Giusto tre giorni fa trattavo della situazione di freddo nei licei e delle scuole di Tempio, in questo articolo: http://www.canale48.it/notizie-dettaglio.php?id=632. La situazione è migliorata in modo repentino almeno al Liceo Dettori, anche se qualche lieve problema. Non sono a conoscenza di cosa sia cambiato negli altri licei, spero di essere informato quanto prima. Ci siamo lamentati che a scuola faceva freddo ed ho personalmente dato la colpa alle alte cariche pubbliche del governo. Sinceramente non ho sbagliato, perchè ciò che sto per raccontare è pressochè eloquente. Dal prossimo anno, a causa dei tagli di spesa agli enti locali, rischiamo che nelle scuole e nei Licei, il riscaldamento in inverno non venga proprip acceso. Il primo caso è accaduto in Provincia di Caserta. Dal 15 Marzo a causa del fallimento economico della Provincia e la scadenza di un contratto quinquennale, le scuole non riceveranno più i soldi per pagare il riscaldamento e la sua manutenzione. Ma se in Provincia di Caserta, la situazione finanziaria è questa, non parliamo delle altre provincie italiane, specie del Sud che hanno i fondi contati e non possono spendere più di una certa somma, per limiti del Governo. Il tutto si è verificato con la riforma Delrio che ha voluto un riassetto degli enti locali, con lo svuotamento delle casse delle Province che non possono permettersi queste spese. Con la vittoria del no, forse cambierà qualcosa, ma il destino resta incerto. Seppur si dovesse arrivare alla certezza di avere il riscaldamento acceso anche nel prossimo inverno, questo non significa che ci sia caldo, almeno qui al sud. Nel sud le scuole sono vecchie e versano in condizioni spregevoli, e perciò il calore disperso è maggiore di quello trattenuto. Quindi, non ci resta che sperare in una svolta, e se non ci sarà, allora converrà fare una preghiera contro il clima affinchè sia clemente e non faccia freddo, altrimenti le sole coperte non potrebbero bastare. Momentaneamente è tutto.

Scritto da: Maurizio Savigni, studente del Liceo Dettori di Tempio