Pubblicata il 02/12/2017

Clima - In Sardegna anno nero per le precipitazioni. In Gallura, la zona meno colpita, le precipitazioni di quest'anno sono calate del 45%, rispetto alla media trentennale

 

Clima - La Sardegna si avvia a concludere un'annata nera dal punto di vista delle precipitazioni. Da marzo a ottobre, non è piovuto praticamente per nulla. Ad alleviare la grande siccità, ci hanno pensato consistenti precipitazioni nella prima metà di ottobre e di novembre, ma non basterà. Il deficit idrico-pluviometrico del 2017, si avvia ad essere uno dei peggiori di sempre. Prendiamo come esempio la Gallura e i dati della stazione metereologica di Tempio. Di norma nel trentennio 1979-2009 si registravano 1200 litri di pioggia per metro quadrato, caduti da gennaio a dicembre. Quest'anno siamo a quota 591 litri/mq caduti. Considerato che dicembre si annuncia leggermente secco, arriveremo massimo per esagerare a 670 litri/mq caduti. (In poche parole, il freddo e la neve di questi giorni saranno un'illusione, perchè da metà mese il clima si stabilizzerà e le piogge torneranno verso capodanno, secondo datameteo.com. Praticamente poco più della metà della media, con una carenza idrica del 45%). E prendiamo Tempio, che è la zona meno colpita dalla siccità. Se ci spostiamo 60 km più ad ovest, nel sassarese la situazione è cronica e così anche nel resto della Sardegna. 2017 anno da dimenticare

 

News48

Redazione C48