Pubblicata il 12/08/2017

Sardegna - Stagione estiva con record di consumo dell'acqua. In Gallura prelievi dal Liscia in crescita del 10% Per Abbanoa è il periodo più impegnativo della storia

 

Sardegna - Stagione estiva con record di consumo dell'acqua, ciononostante imperversa la siccità e i bacini artificiali, van svuotandosi senza conoscere precipitazioni. In Gallura è l'impianto del Lago Liscia che alimenta la bassa gallura, che registra l'aumento più alto della Sardegna, passando da 1.160 litri al secondo nell'agosto 2016 agli attuali 1.275 litri al secondo: + 10%. Significativo l'andamento dei consumi a Posada, la cui produzione è aumentata da 19 litri al secondo a 30 litri. E' cresciuta la portata di acqua erogata dal potabilizzatore di Tortolì che registra un aumento dei consumi da 53 litri al secondo si è passati a 65,5. A pieno ritmo anche l'impianto di Janna 'e Ferru, al servizio di Nuoro e dei centri del nuorese, che ad agosto è passato da 342 litri ai 380 al secondo attuali. Conclusioni: la siccità imperversa, specie ad ovest della Sardegna, ma nonostante ciò c'è sete di acqua, anche per far fronte alle esigenze del turismo. L'autunno metereologico sembra promettere bene; dopo una prima metà di settembre un po' secca, potrebbero arrivare le piogge e ristabilire l'equilibrio idrico che manca da qualche anno. La terra e i laghi hanno sete.

News48

Redazione C48