Pubblicata il 06/07/2019

Olbia - Odissea senza fine: la strada di Monte Pino verrà ultimata tra due anni. Che vergogna

 

Olbia - Incubo senza fine per la strada di Monte Pino, chiusa a seguito del crollo di un ponte nell'alluvione del 2013 ad Olbia. A distanza di ben 6 anni non si è riusciti a costruire un ponte di circa 50 metri di lunghezza. Oggi è arrivata l'ennesima coltellata ai trasporti e alla viabilità della Gallura: la strada verrà ultimata tra altri due anni: nel 2021. La notizia è emersa dopo il sopralluogo dei tecnici dell’Anas insieme al deputato del Movimento 5 Stelle Nardo Marino. Ciò avviene dopo l’addio al cantiere da parte dell’impresa Imp di Carloforte. L’Anas, infatti, ha avviato la procedura di risoluzione del contratto con l'impresa. Le leggi della burocrazia italiana, impongono di dare la precedenza per il nuovo appalto, alle altre aziende che avevano partecipato al bando per l'aggiudicazione dei lavori. TEMPI: per avviare e concludere tale procedimento burocratico servono circa 6 mesi, che si aggiungono ad un altro anno di lavori. Il tutto salvo imprevisti di calamità naturali, che potrebbero (come già successo) distruggere le cementificazioni e costringere a rifare tutto da capo, posticipando ancora la data di fine. 

Nota della Redazione di Canale 48: la notizia arrivata quest'oggi, senz'altro è l'ennesima vergogna che sta mettendo in ginocchio la Gallura. L'intera zona punta sul turismo, ma con strade ridotte allo sbaraglio, pericolose, strette e lente. Non è di certo un ottimo biglietto da visita per i turisti. Vogliamo l'economia, i soldi, l'occupazione, ma per colpa delle istituzioni ci diamo la zappa ai piedi, naufragando nei vincoli di leggi, norme e bilanci economici. Non parliamo poi della scarsità o incapacità dell'ente che gestisce la rete stradale. Ben capace di ricostruire IN POCHI GIORNI due ponti crollati nel sud Sardegna nell'alluvione dell'ottobre 2018, ma incapace di far ciò con il ponte di Monte Pino crollato DA ORMAI 6 ANNI. Paghiamo sempre il fatto di essere lontani da Cagliari. Siamo gli ultimi quando dovremo essere i primi. Così non va. Nel 2021 arriveremo a 8 anni per RICOSTRUIRE UN PONTE LUNGO 50 METRI CON TUTTE LE DOVUTE MISURE, NORME E CAUTELE. Non vi sembra un po' uno schifo e una vergogna per tutta l'Italia? I galluresi sono stati presi in giro

 

News48

Redazione C48