Pubblicata il 13/08/2017

Vulcanologia - Scoperti nuovi 91 vulcani sotto i ghiacci dell'Antartide. Si aggiungono ai 47 già censiti nel 1800.

 

Vulcanologia - Il ghiaccio dell’Antartide nasconde un centinaio di vulcani dei quali s’ignorava l’esistenza e il cui ritorno all’attività potrebbe avere conseguenze catastrofiche sull’intero pianeta. Una ricerca dell’Università di Edimburgo, ha permesso di scoprire che i vulcani che si trovano nella costa ovest dell’Antartide non sono soltanto i 47 già scoperti nell’800, ma ce ne sono almeno altri 91, alcuni dei quali raggiungono l’altezza di 3850 metri. “Se uno di questi vulcani tornasse in attività – ha detto all’Observer Robert Bingham, responsabile della ricerca – destabilizzerebbe la crosta di ghiaccio che ricopre il terreno, velocizzandone lo scioglimento in mare”. Il riscaldamento globale ha già ridotto lo strato di ghiaccio che ricopre il terreno, diminuendo la pressione sui coni dei vulcani, che ora possono diventatare una bomba a orologeria pronta a esplodere. Le teorie suggeriscono che quando la pressione diminuisce i vulcani tornano a essere più attivi”.  Ad aggravare la situazione c’è il sospetto che oltre ai vulcani finora censiti ce ne siano altri sui fondali marini, cosa che farebbe della costa ovest dell’Antartide la zona a maggiore densità vulcanica del mondo

News48

Redazione C48