Pubblicata il 26/07/2017

Tempio – Pensionato 70 enne di Olbia si incatena davanti al Tribunale. Chiede il risarcimento dei danni subiti dalle sue due case, devastate dall’alluvione del 2013

 

Tempio: un pensionato 70 enne di Olbia si è incatenato davanti al Tribunale. Il pensionato è un ex muratore, (Paolo Muzzetto) vive con appena 336 euro mensili e la sua casa è l'auto. Non è la prima volta che si incatena dinanzi al Tribunale di Tempio, infatti ricordiamo che si incatenò anche il 25 novembre 2016. Il signor Paolo ha due case alluvionate nella zona dello stadio Nespoli, distrutte dall’alluvione del 2013. 30 anni di sacrifici per due case“distrutte dai politici tombaroli di canali” come scrive in due striscioni; per ripararle ci vogliono 120 mila euro; ma come fa un muratore in pensione CON SOLI 336 EURO DI PENSIONE AL MESE, che gli bastano a mala pena per  vivere, a fare i lavori? Il Comune di Olbia ancora non sta risarcendo i danni subiti dalle case di molte famiglie.  La tragedia del signor Muzzetto è quella di centinaia di famiglie olbiesi nella sua stessa situazione, lui vorrebbe che oggi fossero con lui, incatenati davanti al tribunale. Egli è solo, forse stanotte dormirà in una tenda, ma non molla. Ricordiamoci che purtroppo, il Tribunale di Tempio, è uno dei più lenti d’Italia in ambito di lentezza dei processi. Ci vorrebbe anche solidarietà economica e sociale nei confronti di chi ha perso tutto, come il signor Paolo, ma non si sente nessuno

News48

Scritto da: Maurizio Savigni