Pubblicata il 02/10/2017

Olbia - Un’altra medaglia d’oro per l’Italia al mondiale veterans. Argento per il sardo Murroni. Concerto di Al Bano davanti alle massime autorità del judo mondiale.

 

Olbia - La cerimonia d’apertura del World Judo Championships Kata and Veterans non ha deluso le attese. La sessione pomeridiana, cominicata alle 15.30, ha visto svolgersi le finali delle categorie M4 e M5 che hanno consegnato all’Italia una medaglia d’oro, vinta da Salvatore Palillo tra gli M5 60 kg, cinque d’argento con Fabrizio Murroni (M4 60 kg), Riccardo Santin (M4 66 kg), Giuseppe Ninfo (M4 90 kg), Andrea Giuseppe Leobono (M5 60 kg) e Armando Vettori (M5 90 kg) e cinque di bronzo con il sardo Mirko Melis (M4 60 kg), Fausto Emilio Gobbi (M4 +100 kg), Alessandro De Nardo (M5 60 kg), Francesco Saverio Tisi (M5 73 kg) e Giampaolo Polenta (M5 81 kg). Da registrare un episodio curioso che ha caratterizzato l’apertura dei combattimenti. Il tavolo delle autorità aveva infatti deciso inizialmente di far combattere gli atleti nei tatami più distanti rispetto alla tribuna. Dal pubblico è scattata una rumorosa protesta che ha provocato un repentino cambio di decisione, consentendo una migliore visuale agli spettatori che anche oggi hanno gremito il PalAltogusto di Olbia. C’era grande attesa per il campione del mondo in carica, l’iglesiente Fabrizio Murroni che, nonostante un’ottima prova, ha dovuto cedere il titolo allo svizzero Wegmueller in una finale molto combattuta. Al termine dei combattimenti, sul palco del palasport è salito Al Bano con la sua band per un concerto di oltre un’ora aperto e chiuso dall&rsqu