Pubblicata il 30/06/2017

Modena - Tutto pronto per il concerto di Vasco Rossi del primo luglio. 1500 metri di schermi, 29 torri di ritardo. 100 chilometri di cavi, 1 megawatt di consumo; ecco tutti i numeri del concerto

 

Modena - Tutto pronto per il concerto di Vasco Rossi del primo luglio. Vi elenchiamo tutti i numeri dell'organizzazione da record che è stata disposta: Oltre 1.500 metri quadri di schermi in movimento; uno centrale di 18 metri per 15 più altri quattro di 15 metri per 9: si muovono su binari separatamente o tutti insieme a formare un unico quadro in cui verranno proiettate 40 videostorie. 26 le telecamere che riprenderanno l'evento, e tra queste spunta anche una cinepresa del 1977, scelta per simboleggiare i 40 anni di carriera del cantante. 320 tonnellate di tubi di ferro sono state usate per costruire il palco. Audio: appese 29 torri 'di ritardo' di due tonnellate l'una, stabilizzate con 6 tonnellate di zavorra di cemento per una. Quindi, complessivamente, 174 tonnellate. L'obiettivo è consentire l'ascolto uguale in ogni punto del parco, da cinque metri come da 300. Due gru da 400 tonnellate ciascuna tengono sollevato l'impianto audio. Per realizzare il Modena Park si è scavato per 3 chilometri e per 650 metri sotto terra in modo da consentire la distribuzione elettrica e per convogliare i cavi di segnale in fibra, lungo tutta l'area del parco. In totale utilizzati 100 chilometri di cavi impiegati per l'intero allestimento e 364 tonnellate di zavorra. Installati 2100 punti luce, 140 laser, 1 megawatt di assorbimento elettrico (sufficiente ad illuminare un intero paesino). Ci sono poi 2 chilometri e 320 metri di transenne per circoscrivere i tre pit e il fronte del palco. Più altri quattro chilometri di quelle normali e alte. Si preannuncia un concerto da record mondiale

News48

Redazione C48