Pubblicata il 13/08/2017

Migranti - Medici Senza Frontiere lascia le operazioni. Restiamo contrari al codice perché blinda il mare C'è anche il rischio sicurezza dovuto a minacce della guardia costiera libica

 

Migranti - Medici senza frontiere ha sospeso le attività di ricerca e soccorso dei migranti davanti alla Libia. Save the Children annuncia che potrebbe fare lo stesso in caso dovessero peggiorare le condizioni di sicurezza e vi fossero restrizioni all'assistenza umanitaria. Le ong definiscono pericolose le uscite sui media delle autorità libiche. A mettere in crisi il lavoro delle Ong nel Mediterraneo non sembra essere il Codice di condotta del Viminale ma l'atteggiamento sempre più ostruzionistico nei loro confronti da parte della Marina e della Guardia costiera libica. La decisione di Msf è temporanea

News48

Redazione C48