Pubblicata il 03/09/2018

La Procura di Nuoro apre un'inchiesta dopo la morte in piscina ad Orosei

 

Un'inchiesta aperta dalla Procura di Nuoro farà chiarezza sulla tragedia verificatasi ieri nella piscina di un residence a Orosei, dove è morto un bambino di sette anni di Irgoli. Richard Mulas è rimasto incastrato con la manina in uno dei bocchettoni della piscina. La procura indaga per omicidio colposo. Ieri la piscina è stata posta sotto sequestro. A Irgoli, in paese è piombato lo shock ed il sindaco ha sospeso tutte le manifestazioni e proclamato il lutto cittadino. Gli inquirenti cercano di ricostruire la dinamica della tragedia. Mancano testimoni oculari del momento esatto in cui il piccolo Richard Mulas avrebbe infilato una mano nel bocchettone della piscina del residence dove stava lavorando la mamma, una donna originaria dell'Ecuador, rimanendo così intrappolato sul fondo della vasca. Attimi fatali per il bambino. Sono diverse le ipotesi sul perchè abbia messo la mano nella bocchetta di aspirazione del sistema di filtraggio della piscina: la più probabile è che il bimbo cercasse di recuperare una palla o un giocattolo con cui si stava divertendo in acqua.

 

News48

Redazione C48