Pubblicata il 17/06/2018

Il Mar Mediterraneo è eccessivamente caldo rispetto alla media. Si rischiano fenomeni meteo estremi

 

News48 - Abbiamo assistitito ad ultimo periodo fresco e segnato da frequenti temporali. La prima parte di giugno e il mese di maggio sono stati caratterizzati da temperature superiori al normale, grazie all'influenza di correnti africane. Il clima caldo ha favorito l'accumulo di calore anche sul mare. Secondo i dati del CNR, le temperature superficiali dell'acqua sono nettamente superiori alla norma su tutto il bacino del Mediterrane. I mari che circondano l'Italia risultano più caldi di 2-3 gradi rispetto alla norma di questo periodo. Addirittura, nel Mar Adriatico le anomalie sono estreme al limite massimo: 5 gradi più elevate della norma. Il fattore del Mediterraneo più caldo rispetto alla media è preoccupante in vista del proseguimento dell'estate e specialemente tra fine estate ed inizio autunno, perché potrebbe dar risalto ed effetto ulteriormente a fenomeni meteo estremi. Fortunatamente siamo ad inizio estate, e potrebbe essere sufficiente un periodo ventoso, per rimescolare l'acqua del mare ed attenuare così, in modo considerevole, le attuali anomalie termiche positive. Nel caso che le anomalie dell'acqua a livello superificiale, dovessero persistere ecco cosa si rischia. Basta un'infiltrazione d'aria fresca durante periodi di caldo, per produrre fenomeni intensi come grandinate, nubifragi, inondazioni e trombe d'aria. Vigileremo attentamente

 

News48

Redazione C48