Pubblicata il 29/08/2018

Gallura - I sindacati sono pronti ad uno sciopero contro Air Italy

 

Gallura - E' guerra sui trasferimenti dei dipendenti Air Italy da Olbia a Mlpensa. "Se Air Italy continuerà con la delocalizzazione e i licenziamenti mascherati da trasferimenti la prossima azione sarà lo sciopero di 24 ore". Lo afferma il segretario regionale della UilTrasporti William Zonca dopo la proclamazione da parte delle sigle confederali dello sciopero di quattro ore, dalle 10 alle 14, il prossimo 10 settembre in concomitanza con il consiglio comunale aperto a Olbia. L'azienda sta dimostrando di non essere affidabile perché ha puntualmente disatteso quanto concordato durante l'ultimo incontro alla prefettura Sassari - prosegue Zonca -. Bisogna che le organizzazioni sindacali, la politica sarda e il ministero si attivino per imporre alla proprietà e al fondo del Qatar il rispetto degli accordi a garanzia degli investimenti che interessano la nostra regione. È vergognoso - evidenzia il segretario della Uiltrasporti - che un'azienda che dichiara 1500 assunzioni a partire già dai prossimi anni si fossilizzi su 51 trasferimenti che possono essere evitati cercando soluzioni possibili nell'immediato, a fronte dei forti sacrifici che il personale Meridiana a dovuto subire. Come Uiltrasporti - conclude - non accetteremo nessuna azione unilaterale se prima Air Italy non presenterà un dettagliato piano industriale con cui poter gestire in modo non traumatico lo sviluppo aziendale in modo da far crescere le attività di volo e manutenzione e tutelare così il personale presente sulle basi di Olbia e Malpensa".

 

News48

Redazione C48