Pubblicata il 30/05/2018

Clima - Forte raffreddamento delle acque dell'Oceano Atlantico Tropicale. L'estate italiana sarà meno calda

 

Clima - Giungono interessanti novità climatiche che prevedono come sarà l'estate 2018. E' in atto un forte raffreddamento delle acque dell'Oceano Atlantico tropicale e subtropicale. Il primo effetto ovviamente potrebbe riversarsi sulla stagione degli uragani, che potrebbe risultare normale o al di sotto della media. Il secondo, potrebbe riversarsi sull'andamento dell'estate europea e in particolare sul bacino del Mediterraneo, perché potrebbe limitare le ondate di caldo o comunque l'intensità di queste. Il raffreddamento è attribuibile ad un anticiclone subtropicale più robusto del normale, che ha stimolato la forza degli alisei. Questi, agendo sulle acque, le rimescolano causando l'affioramento di acque più fresche e favorendo il rilascio di calore nell'ambiente. Il processo non si è ancora completato e ciò significa che le anomalie potrebbero crescere ulteriormente, al momento le acque tropicali e subtropicali del Nord Atlantico mostrano un'anomalia vicina a -1°C. Con acque più fredde rispetto al normale, la probabilità di sviluppo di cicloni tropicali diminuisce e perciò la prossima stagione degli uragani, potrebbe essere clemente. Al contrario le acque dell'Atlantico settentrionale sono molto più calde del normale. Queste anomalie potrebbero incidere sull'andamento della nostra stagione estiva. Quest'anno, con acque più fresche, le masse d'aria provenienti da queste aree non dovrebbero essere così calde e questo potrebbe consegnarci un'Estate non più rovente come in passato.

 

News48

Redazione C48